Il nuovo Pingo Eco:

passo dopo passo versouna maggiore sostenibilità

I pannolini usa e getta sono una delle invenzioni degli ultimi decenni a cui non è possibile rinunciare. Durante il gesto premuroso del fasciare il neonato,  per migliaia di anni, non si è mai pensato al problema della sostenibilità, che oggi coinvolge un grande consumo globalizzato di risorse. Non si conoscono pannolini prodotti senza petrolio e cellulosa primaria come componenti fondamentali, anche se sulle confezioni campeggiano scritte tipo Eco, naturale, Bio, ecc. Il produttore Pingo HYGA  ha un team di ricerca che lavora per raggiungere un reale miglioramento e sperimenta continuamente materiali e processi per una riduzione, sostituzione o compensazione del fabbisogno di risorse. La somma di queste conoscenze sono i Pingo. E questo è solo l’inizio.

 

Design del prodotto con meno materiali, senza compromessi in fatto di prestazioni e comodità

materiale del sacco >85% da materie prime rinnovabili

OEKO -TEX

Standard 100

Provenienti da fonti energetiche rinnovabili con certificazione ‘Naturemade Star’.

Compensazione delle emissioni di CO2 rimanenti con progetti certificati da myclimate *

Il nucleo assorbente, di cellulosa certificata FSC, contribuisce a una economia forestale più sostenibile nella produzione di pannolini.

* Dal 2010, l’impronta di CO2 del pannolino Pingo è stata ridotta di oltre il 25%.

ECO_Logo_the_best